Rilevazione dei bisogni formativi nell’ambito del progetto START-ER 2

I flussi migratori degli ultimi anni, con le loro caratteristiche peculiari e i bisogni socio-assistenziali che generano, incidono in modo assolutamente rilevante sui percorsi di cura e sul sistema dei servizi. Ne deriva un costante bisogno di affinare gli strumenti per raccogliere le domande di cura, interpretare i bisogni di salute, rafforzare i servizi socio-sanitari affinché possano rispondere in modo appropriato e risolutivo. All’interno di questo contesto, la formazione degli operatori sociali e sanitari rappresenta uno strumento di lavoro e una strategia per il rafforzamento delle competenze specifiche all’interno del sistema dei servizi, per la condivisione e la diffusione delle esperienze territoriali, a sostegno dell’implementazione e la sperimentazione di percorsi di cura rispondenti ai bisogni di salute. Il progetto si prefigge come obiettivo quello di riuscire a rilevare e a interpretare i bisogni formativi degli operatori socio-sanitari, in modo da tradurli in un’offerta formativa efficace e rispondente alle esigenze territoriali. Si intende lavorare tramite un’indagine qualitativa ispirata all’approccio teorico-metodologico della ricerca-azione e della formazione-intervento attraverso l’utilizzo di metodi partecipati, volti ad indagare le esperienze e percezioni degli operatori sociali e sanitari coinvolti nel lavoro con i migranti.