La comunità che cura. Una ricerca-azione per promuovere salute e partecipazione nella zona di Pescarola (Bologna)

Il progetto nasce in un contesto (Pescarola, zona Lame, quartiere Navile, Bologna) caratterizzato da una concentrazione di edilizia popolare, in cui si intrecciano differenti condizioni di deprivazione economica e vulnerabilità sociale.
Il CSI-APS sta svolgendo attività in modo continuativo dal 2015, col sostegno di finanziamenti ottenuti tramite bandi progettuali di enti pubblici e privati, in partenariato con le realtà pubbliche e private che operano sul medesimo territorio, al fine di operare in sinergia, mettendo in rete le risorse presenti.
La ricerca-azione è volta a promuovere la salute; attivare processi di coesione, inclusione sociale; costruire spazi di partecipazione comunitaria in cui raccogliere i bisogni sociali e le domande di salute rilevanti per la cittadinanza; favorire l’interazione coi servizi pubblici sociali e sanitari sia attraverso l’orientamento sul funzionamento del sistema dei servizi, sia attraverso la costruzione di setting di lavoro tra gli abitanti e le istituzioni e i servizi pubblici, come strumento di advocacy, di trasformazione delle politiche pubbliche locali e delle pratiche lavorative.
Si auspica in tal modo di favorire la capacitazione delle persone rispetto ad ambiti come la cura e il benessere, di ridurre la distanza dai servizi assistenziali e di riorientare le politiche pubbliche sulla base dei bisogni di salute che emergono dal lavoro di partecipazione comunitaria. 
L’aspetto innovativo della ricerca-azione riguarda il lavoro multidisciplinare che integra diverse professionalità (sociologi, antropologi, medici, infermieri, assistenti sociali, educatori) e differenti attori sociali, tra cui università, associazioni e istituzioni pubbliche cittadine.